Torrepali cenni storici

La presenza delle Torri Costiere.

Queste costruzioni furono edificate tra il 1550 ed il 1600 per scopi sia di avvistamento che di difesa quandi i Bizantini tentarono di arginare le incursioni dei longobardi .

A capo della torre era presente un ufficiale imperiale il Guardiano di torre , che di solito era il proprietario della stessa in quanto l’impero non riusciva ad accollarsi l’onere della costruzione delle migliaia di torri costiere del regno, al quale erano concessi diversi poteri:
-riscuotere i dazi;
-decidere quale parte del territorio difendere in relazione alle tasse percepite.
-ritenere una parte del carico delle navi tratte in soccorso.
Alle sue strette dipendenze erano poi i cosiddetti Cavallari che si occupavano di solito della difesa delle torri vicine.

La stuttura delle torri era molto semplice:
-quasi sempre a pianta cilindrica ed edificata su terrapieni rocciosi alla cui base era presente una cisterna.
-l’ambiente in cui viveva il guardiano era di circa 5 metri di diametro e si raggiungeva con una scaletta.
-Al terrazzo si arrivava con una scala in roccia.
-Tutte le torri erano dotate di caditoie cioè delle fessure in cui si inserivano gli strumenti di difesa. (fucili)

La torre dei pali rientra, pertanto, all’interno delle torri difensive create in tal periodo e la cui particolarità intriseca era che la sua costruzione era stata effettuata a circa 20 metri dalla riva e collegata alla stessa da un ponte.
Intorno alla fine del 1800 tutte le torri costiere furono progressivamente disarmate.
Da allora tutte le torri sono considerate come punto di riferimento per i naviganti in quanto identificano il luogo in cui essi si trovano.
Tutte le princiapli località turistiche salentine hanno come nome tramandato quello della torre di riferimento ciò a testimonianza della grande tradizione e del grande legame che unisce queste strutture alla nostra terra.